Video Killed Radio …MASH! ovvero Buggles vs. Killers

Il MASHUP che vi presento oggi vede protagonisti i KILLERS e i  BUGGLES

Questa mia nuova manipolazione sonora corre sui 134 BPM dell’originale del remix che i Thin White Duke hanno fatto del bellissimo brano dei Killers che a loro volta avevano appunto rallentato gli stessi di qualche bpm …Trovo sia uno dei più bei remix che siano usciti negli ultimi tempi proprio ben fatto …mi piace molto tant’è che gli stessi Killers gli hanno affidato anche un altro brano “Human” e devo dire che anche li si son comportati bene realizzando anche in quel caso un’altro bel remix (anche se il mio preferito resta appunto quello di “Mr. Brightside”)

Ho poi estrapolato alcune sequenze proprio per farci correre su “Video Killed Radio Star” della quale non ho toccato la tonalità ma soltanto rallentato di qualche bpm e filtrata di poco nei toni alti razie all’ausilio di  MAGIX MUSIC MAKER, alcune strofe e il ritornello son state appunto agganciate su quelle prozioni di musica che ho campionato.

Video Streams: YouTube | Streamable

Songs Used:
The Killers – Mr. Brightside (Instrumental and Vocals)
The Buggles – Video Killed Radio Star (Vocals)

CURIOSITA’:

The Buggles attivissimi negli anni Settanta, si formarono nel 1977 da Trevor Horn e Geoff Downes.
Divennero famosi con il loro primo singolo Video Killed the Radio Star, pubblicato nel 1979.
Sembravano destinati ad essere una meteora del panorama musicale, una delle tante band che producono una canzone di successo e poi spariscono, ma entrambi i componenti riuscirono a lanciarsi in carriere di successo.
È celebre per vari motivi, il più noto dei quali è che il video da essa tratto (diretto da Russell Mulcahy) andò in onda per inaugurare le trasmissioni di MTV il 1° agosto 1981 alle 12.
Tale scelta non fu certamente casuale: in primis, all’epoca ancora pochi artisti avevano l’abitudine di realizzare videoclip dai propri brani, e i Buggles erano tra questi pochi; inoltre, la canzone e le immagini del video (in cui, tra l’altro, si vedevano esplodere delle radio) parlano di una “stella della radio” che perde popolarità con l’avvento dell’era della “musica da vedere”; infine, Video Killed The Radio Star era stata in testa a lungo nelle classifiche internazionali e ancora nel 1981 godeva di molta popolarità, anche grazie proprio al suo video molto creativo e godibile.
Il brano raggiunse la posizione n° 1 sia nelle classifiche britanniche che in quelle di molti altri Paesi all’inizio del 1980.
La frase «Video killed the radio star» tornò a essere citata dai mass media nel 1983, anno in cui i Duran Duran produssero il video tratto dal brano Union of the Snake e lo distribuirono (anch’esso tramite MTV) prima ancora di rilasciare il brano stesso alle radio. Le stazioni radiofoniche insorsero nel timore che questa potesse rappresentare la tendenza del futuro e minare il ruolo tradizionale della radio come detentrice delle anteprime musicali. Tra l’altro, per coincidenza, anche il video dei Duran Duran era diretto da Mulcahy.
Sebbene tecnicamente Video Killed The Radio Star appartenga per diritto anagrafico agli anni settanta, sul piano puramente musicale esso è di fatto il capostipite degli ottanta, dei quali anticipa lo stile: l’elettronica sofisticata, il Wall Of Sound che inizia a intravedersi (e che poi verrà usato a piene mani per spruzzare di effetti sonori i brani di quel decennio, con effetti spesso discutibili), anche quel tono vagamente romantico che fa da ponte sentimentale e cronologico tra il passato e le nuove tecnologie.
spotUna canzone che – forse pure al di là delle intenzioni dei suoi autori – ha costituito praticamente la porta d’ingresso verso un mondo dominato dagli epigoni del sintetizzatore elettronico, e un brano techno-pop ante litteram.

I Killers nascono a Las Vegas nel 2003.
Il nome della band deriva da un video dei New Order, intitolato Crystal, in cui è presente una band fittizia, appunto denominata The Killers.
La band, per via di una serie di concerti nel Regno Unito, venne subito notata dal noto magazine rock New Musical Express. Il vero successo, tuttavia, arrivò con l’uscita dell’album di esordio, dal titolo Hot Fuss, nel 2004, trascinato da singoli di alto profilo quali Somebody Told Me, Mr. Brightside, All These Things That I’ve Done e Smile Like You Mean It. Sempre nel 2004 ha riscontrato un notevole successo anche “Everything will be alright“.
La principale fonte di ispirazione musicale dei Killers è data dalle sonorità tipiche degli anni ottanta, in particolare la new wave.
I quattro membri della band, tra l’altro, si dichiarano a loro volta fan di U2, David Bowie, Coldplay e Queen.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.